Contadero-El Cedro

Trekking naturale nel cuore di La Gomera
Situato nella località di Hermigua, questo percorso attraversa una valle che cattura le nubi spinte da venti. Quest’alto tasso di umidità intensifica la vegetazione della zona, e la crescita di famiglie vegetali, come la brughiera della bordura, il mirto e l'alloro. Spicca la varietà di alberi endemici del Garajonay, come viñátigo, alloro e tiglio. Questa escursione attraverso le montagne di La Gomera finisce nel salto d’acqua del Cedro, cascata naturale alta 150 metri, che durante tutto l'anno alimenta le dighe della valle agricola di Hermigua.
Cammino di alloro fino a un santuario singolare
Con sei chilometri di percorso e una pendenza media di 551 metri, l’itinerario fino a El Cedro combina sentieri e strada forestale per circa tre ore di camminata. Oltre ai suoi valori botanici ed etnografici, la tappa finale del trekking raggiunge un eremo dalla storia singolare. Costruito nel 1935 da un’istitutrice inglese che lavorava per una ricca famiglia, la sua festa dell’ultima domenica di agosto è stata la più importante dell'isola. Nel 1984 il pellegrinaggio è diventato una processione seguita da un pranzo, molto popolare.
Length
5,8 km
Public transport
Localidad
Hermigua
Downloadable files selection
Archivos
Imagen Archivo
Título Fichero
Contadero-El Cedro
pdf

TENERIFE

TENERIFE

GRAN CANARIA

GRAN CANARIA

FUERTEVENTURA

FUERTEVENTURA

LANZAROTE

LANZAROTE

LA GRACIOSA

LA GRACIOSA

LA GOMERA

LA GOMERA

LA PALMA

LA PALMA

EL HIERRO

EL HIERRO
No te lo puedes perder
Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Contadero

Una radura lungo la strada è il punto di partenza di questo sentiero, forse il più famoso dell'isola. Il nome del luogo allude alla vecchia funzione forestale, dato che qui si contava la quantità di legname estratta dal monte, da cui il nome "Contadero".

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Alberi appesi nella nebbia

Avanziamo attraverso alberi ritorti e ricoperti di muschio in quella che viene definita brughiera delle cime. A 1.300 metri di altezza e sulla cima di un versante. I venti alisei carichi di umidità si scontrano con i rami di erica trasformando la nebbia in acqua che nutre il bosco. Sotto le eriche, le felci (sono presenti quattro specie) vivono grazie a questa umidità racchiusa nel bosco. Man mano che avanziamo lungo il sentiero, la grandezza delle eriche, che risultano meno esposti al vento, cresce fino ad arrivare a proporzioni quasi gigantesche per questa specie.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Una nuova protagonista: la Myrica Faya

Insieme all'erica troviamo una nuova specie sempre più presente: la Myrica Faya che non appartiene alla stessa specie dei faggi continentali da cui differisce per l'assenza di foglie perenni. I nostri faggi si distinguono per le foglie allungate e dai bordi irregolari. I pastori dell'isola utilizzavano il legno di questo albero per costruire pali con cui si calavano lungo i torrenti, le cosiddette "astias".

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
L'evoluzione del bosco

Percorriamo uno spazio meno chiuso rispetto al bosco, dove penetrano i raggi del sole, a meno che il vento aliseo non abbia portato con sé la nebbia. All'interno della radura possiamo notare un tipo diverso di vegetazione, frutto del processo di evoluzione della flora. La caduta degli alberi più vecchi dà origine a questi spazi in cui crescono piante che necessitano della luce del sole mentre il bosco si richiude in attesa di un'altra radura.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Il carbone del monte

La pianura che attraversa il sentiero in passato fu una carbonaia; sul suolo è ancora possibile trovare qualche pezzo di carbone vegetale. Un tempo il bosco forniva questo combustibile di uso domestico. Qui venivano create le carbonaie, dove la legna, dopo una settimana di lenta combustione, si trasformava in carbone. Un lavoro duro che richiedeva un'attenzione costante e che scomparve oltre mezzo secolo fa con l'arrivo dei derivati del petrolio.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Coltivazioni sulla montagna

Il Parco Nazionale di Garajonay è nato nel 1981. Prima di quel periodo, la montagna veniva sfruttata in modo intenso. Nelle vicinanze del sentiero possiamo notare file di pietre: sono pareti che delimitano piccole coltivazioni, i terrazzamenti. Il vicino caseggiato di El Cedro arrivò a contare una popolazione di oltre 100 persone che cercavano di sopravvivere sulla montagna.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Il tuo nome e quello del bosco

Abbiamo percorso oltre la metà del sentiero e ora troviamo l'alloro, l'albero che dà il nome alla laurisilva. Un albero che, nelle condizioni giuste, raggiunge grandi dimensioni in boschi come quello di Garajonay. Per individuarlo, cerca le foglie con piccole ghiandole posizionate accanto alla nervatura centrale. I frutti invece assomigliano a delle olive nere.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Tracce del vecchio campeggio

Prima di diventare Parco Nazionale, il territorio della montagna è stato utilizzato in diversi modi. Tra questi, anche un campeggio per ragazzi. Questa radura è il prodotto di quella struttura che in seguito è stata smantellata e trasferita fuori dalla laurisilva. Oggi ci permette di osservare la nascita di arbusti come rovi o citisi che fungono da rifugio ai futuri alberi della laurisilva che a poco a poco si reimpadroniranno della radura restituendo la zona al bosco.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
I giganti della valle

Arrivati al fondo della valle, dove il tasso di umidità è più alto e i terreni più nutriti, troviamo i grandi esemplari del bosco, i giganti della laurisilva. Questo è il territorio dei viñátigos, edifici vegetali dalle dimensioni impressionanti, le cui foglie sono le più grandi del bosco. Se osservi il terreno, troverai un tappeto di foglie rosse: è un viñátigo che assume questa tonalità quando le sue foglie si seccano. Subito dopo appare il ruscello del Cedro, il principale di La Gomera, le cui acque confluiscono nella Valle di Hermigua dove un tempo azionavano una mezza dozzina di mulini e irrigavano i campi coltivati, funzione che continuano a svolgere anche oggi. Inoltre le acque del ruscello nutrono il bosco, come possiamo notare dai colossi vegetali che lo costeggiano.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Le mimbreras

Il nome di questo luogo deriva dal vimine (mimbre) utilizzato dai cestai per il loro lavoro. In questo punto del ruscello del Cedro gli artigiani mettevano ad ammollare il vimine per fargli acquistare la flessibilità necessaria per essere lavorato. In passato questi cesti erano imprescindibili per trasportare mercanzie e raccolti.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
La cappella

Questa cappella ha una storia curiosa. Costruita nel 1935, la chiesa fu fondata da un'istitutrice inglese che lavorava per una ricca famiglia del luogo e la sua festa, che cade l'ultima domenica di agosto, fu per molti anni la più importante dell'isola. Dal 1984 la festa ha lasciato il posto a una processione e a un pranzo, dove viene ancora eseguito il ballo del tamburo, uno degli elementi principali del folclore dell'isola.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Il caseggiato

Il caseggiato del Cedro è un ricordo degli antichi abitanti che vivevano delle risorse fornite dalla montagna. Le costruzioni con i tetti a due falde si trovano su entrambi i lati della piccola valle che termina sulla cascata. Il caseggiato si trova fuori dal territorio del Parco Nazionale e conserva la morfologia tipica dei terrazzamenti ideati per le coltivazioni sui pendii.

Imagen
Subtítulo
Contadero-El Cedro, La Gomera
Título
Il belvedere dello zampillo

Questa è la testata del Barranco de Hermigua con lo zampillo che cade dal Cedro. Questa cascata di acqua sempre attiva è la più grande delle Canarie con queste caratteristiche. È alta 135 metri. Lungo la diga di Los Tiles si trovava una centrale idroelettrica che forniva elettricità al paese di Hermigua.

Sostenibilità
Sostenibilidad
- Non lasciare rifiuti di alcun genere nell'ambiente, compresi i mozziconi di sigaretta. Gli avanzi di cibo contribuiscono alla proliferazione di roditori e gatti selvatici che rappresentano una grave minaccia per la fauna.
- Rispetta gli animali, non disturbarli e non dar loro da mangiare. Se vedi un esemplare ferito, puoi telefonare al numero di emergenza 112. Non strappare fiori o piante.
- Non raccogliere, né portare via pietre o qualsiasi altro elemento dal mezzo naturale. Non modificare quest’ultimo neanche impilandole per realizzare le tristemente famose "torri".
- Non attraversare spazi non consentiti e rispettare la segnaletica dei sentieri. Uscire dai percorsi autorizzati provoca danni all'ambiente e può essere pericoloso anche per te e per chi ti accompagna.
- È più sicuro tenere il tuo animale domestico al guinzaglio.
- Cerca di non disturbare la tranquillità dell'ambiente con rumori eccessivi (musica alta, urla...).
6
54784
10 13
262
10045