NOTIZIE DI ULTIM’ORA |

Coronavirus (Covid-19)

Salita al Teide

Un’escursione fino alla cima delle Canarie
Situato al centro dell’isola di Tenerife, il Parco Nazionale del Teide può essere percorso lungo vari sentieri, tra essi c’è quello che conduce sino alla cima del vulcano. Uscendo da Montaña Blanca, questo itinerario dall’elevato livello di difficoltà per il progressivo cambio di altezza (sale da 1.367 a 3.718 metri) impegna per circa sei ore prima di arrivare al rifugio di Altavista. È possibile pernottare previo un permesso per attendere l’alba e affrontare l’ultimo tratto della salita, che conduce al cratere stesso del Teide.
Un percorso di trekking impegnativo ma unico
In una strada nata per il trekking, l’itinerario combina piste e sentieri nei suoi nove chilometri di percorso, che attraversano luoghi di grande interesse geologico come Montaña Rajada, Mina de Pómez, Huevos del Teide, Estancia de los Ingleses e la Rambleta. Per l’ultimo tratto passa la via di Telesforo Bravo, che si fa strada in canali di lava per raggiungere il cratere del vulcano. È meglio indossare abiti e calzature adeguate, così come portarsi cibo e bevande fresche. Sulla cima si consiglia una giacca a vento per combattere il freddo del mattino.
Length
9 km
Public transport
Localidad
Santiago del Teide
Downloadable files selection
Archivos
Imagen Archivo
Título Fichero
Subida al Teide
pdf

TENERIFE

TENERIFE

GRAN CANARIA

GRAN CANARIA

FUERTEVENTURA

FUERTEVENTURA

LANZAROTE

LANZAROTE

LA GRACIOSA

LA GRACIOSA

LA GOMERA

LA GOMERA

LA PALMA

LA PALMA

EL HIERRO

EL HIERRO
No te lo puedes perder
Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
Montaña Blanca

Iniziamo il nostro percorso salendo lungo questa montagna di pietra pomice, che in passato fu sfruttata per usi industriali e agricoli. La pietra pomice è il prodotto di eruzioni esplosive dovute alla presenza di gas nel magma che, fuoriuscendo, dà origine a un fenomeno simile a quello dell'apertura di una bottiglia di champagne in cui la schiuma è la pietra pomice.

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
Montaña Rajada

Questa montagna, che troviamo alla nostra destra lungo la salita, è il tipico esempio di duomo di lava, il migliore di Las Cañadas. La sua formazione è dovuta alla fuoriuscita di lave ad alta viscosità, che, a causa del movimento limitato, si accumulano assumendo una forma a cupola, domus in latino, da cui deriva il nome di duomo

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
La miniera di pomice

La pietra pomice è molto utile in agricoltura e nelle applicazioni industriali: per questo motivo i suoi giacimenti sono stati particolarmente sfruttati nella zona del Teide prima che venisse dichiarata Parco Nazionale. Le vecchie miniere sono state restaurate, ma possiamo ancora individuare i luoghi in cui si estraeva il pomice per via della colorazione diversa, più chiara rispetto alla zona circostante.

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
Le uova del Teide

L'ultimo tratto del sentiero è disseminato da pietre di grandi dimensioni. Sono sfere di accrezione, scese rotolando dalla colata di lava nera che si era arrestata sulla falda del Teide. Si formano come fossero palle di neve e, quando si staccano dal fiume di lava, rotolano e vanno ad accrescere nuovi strati fino a quando non si fermano sotto la colata.

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
La casa degli inglesi

Questo nome evocativo fa riferimento all'ultimo punto in cui era possibile avere a disposizione della legna lungo la salita per raggiungere il Teide. Per questo motivo i viaggiatori e gli esploratori diretti alla cima si fermavano qui per la notte, prima di intraprendere l'ultimo tratto del percorso. Ci troviamo a un'altezza di 2.982 metri. Una delle grandi pietre presenti in questo luogo ha una cavità nella parte inferiore che veniva utilizzata come rifugio naturale per dormire.

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
Salendo lungo il "Teide antiguo"

Il sentiero che conduce al rifugio di Altavista procede tra due rami di lava nera, sul "Teide antiguo", con una salita a zigzag molto pronunciata. Stiamo avanzando attraverso materiali prodotti almeno 32.000 anni fa, una minuzia in termini geologici, ma non per il Teide, vulcano che ha mostrato segni di attività fino al secolo scorso.

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
Rifugio di Altavista

Il rifugio è situato su una pianura circondata da due imponenti rami di lava, così alti che a malapena riusciamo a osservare la cima. Questa struttura, ideale per pernottare e salire al Teide all'alba, è la più alta della Spagna. Da qui la vista notturna del cielo è semplicemente eccezionale; appena 35 minuti dopo il tramonto è possibile ammirare la luce zodiacale e la via lattea.

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
La Rambleta

Qui termina il sentiero che da Altavista ha attraversato malpaís particolarmente sviluppati. Ora possiamo iniziare la salita al Pico, se abbiamo ottenuto l'autorizzazione. Questo piccolo altopiano oggi è occupato dalla stazione superiore della teleferica e rappresenta il punto in cui comincia la vera salita al cratere.

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
Il canale di lava

La salita al cratere comincia accanto alla parete di un grande canale di lava che scende dal bordo del cratere stesso. Uno degli elementi che richiamerà la nostra attenzione è la presenza su questa parete di punti praticamente piatti, che corrispondono a lave più fluide, e altri in cui notiamo la formazione del canale avvenuta per sovrapposizione di strati di lava.

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
Vía Telésforo Bravo

Quest'ultimo tratto della salita prende il nome dal celebre geologo canario che lo reputò adatto per la salita al cratere. Il percorso sale a zigzag mentre si avvicina all'orlo del canale del pendio dove è possibile osservare strati di lava sovrapposti. Sono visibili inoltre alcune fumarole, anche se di minore importanza rispetto a quelle del cratere.

Imagen
Subtítulo
Il Teide, Tenerife
Título
Il cratere

Il termine della salita ci offre uno spettacolo doppio: il panorama e lo stesso cratere. Possiamo notare facilmente le emanazioni sulfuree delle fumarole e i depositi di zolfo presenti all'interno del cratere, a cui non possiamo accedere, che un tempo fu sfruttato per l'estrazione di questo materiale. I visitatori devono evitare di sedersi perché l'acido solforico, che si forma dall'unione tra le emanazioni sulfuree e il vapore acqueo, può macchiare i vestiti.

Sostenibilità
Sostenibilidad
- Non lasciare rifiuti di alcun genere nell'ambiente, compresi i mozziconi di sigaretta. Gli avanzi di cibo contribuiscono alla proliferazione di roditori e gatti selvatici che rappresentano una grave minaccia per la fauna.
- Rispetta gli animali, non disturbarli e non dar loro da mangiare. Se vedi un esemplare ferito, puoi telefonare al numero di emergenza 112. Non strappare fiori o piante.
- Non raccogliere, né portare via pietre o qualsiasi altro elemento dal mezzo naturale. Non modificare quest’ultimo neanche impilandole per realizzare le tristemente famose "torri".
- Non attraversare spazi non consentiti e rispettare la segnaletica dei sentieri. Uscire dai percorsi autorizzati provoca danni all'ambiente e può essere pericoloso anche per te e per chi ti accompagna.
- È più sicuro tenere il tuo animale domestico al guinzaglio.
- Cerca di non disturbare la tranquillità dell'ambiente con rumori eccessivi (musica alta, urla...).
1
257
13
262
10045