Parco Rurale di Frontera

Natura e agriturismo a El Hierro
Il Parco Rurale di Frontera è una grande area naturale che combina natura e agriturismo nella più giovane delle isole Canarie. El Hierro è una Riserva della Biosfera dell'Unesco di appena 268 chilometri quadrati, la più occidentale e meridionale delle isole Canarie e il punto in cui per molti secoli finiva il mondo conosciuto secondo i cartografi europei. La metà meridionale e occidentale di questa zona è una destinazione d’élite per l’agriturismo: il Parco Rurale di Frontera, dove uomo e natura ancora convivono pacificamente.
Che cosa fare nel Parco Rurale di Frontera
L'isola montuosa di El Hierro ha foreste, zone aride e innumerevoli coni vulcanici. Questo mosaico di paesaggi e habitat non smette mai di stupire. Nello stesso giorno, i visitatori possono nuotare in una riserva marina, sentire i secoli di storia che scorrono attraverso i tronchi contorti di un bosco di ginepri e percorrere sentieri che scendono attraverso foreste ombrose dei tempi antichi. E se le energie vacillano, assaporare un piatto di “vieja” (pesce pappagallo), con patate e salsa mojo, accanto a una delle poche riserve marine nelle Canarie.
Altezza
1337
Flora interest
Trekking routes
Wildlife interest
Localidad
La Frontera

TENERIFE

TENERIFE

GRAN CANARIA

GRAN CANARIA

FUERTEVENTURA

FUERTEVENTURA

LANZAROTE

LANZAROTE

LA GRACIOSA

LA GRACIOSA

LA GOMERA

LA GOMERA

LA PALMA

LA PALMA

EL HIERRO

EL HIERRO
No te lo puedes perder
Imagen
Subtítulo
Parque Rural de Frontera
Título
El Sabinar

La famosa sabina contorta di El Hierro

Nell'estremità occidentale dell'isola di El Hierro vi è un bosco di alberi secolari la cui straordinaria capacità di adattarsi agli elementi fa sentire il visitatore insignificante. È il Sabinar, un bosco aperto di ginepri autoctoni, tronchi inclinati e contorti per la forza del vento. Questo gioiello naturale si trova in un pascolo comune con mucche e pecore in libertà, e non lontano dal Santuario di Nuestra Señora de los Reyes.

Dopo aver lasciato l'auto nel parcheggio, i visitatori vedranno che un albero in particolare li sorprenderà: è la Sabina di El Hierro, un grande esemplare di ginepro che assomiglia a una danzatrice che inarca la schiena e sparge i suoi capelli al suolo. La sua particolare forma è diventata un simbolo dell'isola e dell'adattabilità e della bellezza per le persone che abitano il Parco Rurale di Frontera e il resto dell'isola di El Hierro.

Imagen
Subtítulo
Parque Rural de Frontera
Título
Rete di sentieri (Parque Rural de Frontera)

Camminar per rotte tradizionali a El Hierro

La pace che regna nel sud-ovest di El Hierro, dove si trova il Parco Rurale Frontera, fa sì che camminare attraverso i suoi molteplici percorsi sia un piacere. La pendenza di molti tratti è compensata da panorami mozzafiato e tutta l'aria fresca che si desidera. Alcuni di questi percorsi sono ancora in uso in feste tradizionali come il famoso sentiero di pellegrinaggio per la Bajada de la Virgen de los Reyes, ora integrato nella GR-131.

Per esplorare la rete si dovrebbe iniziare dalla Hoya del Morcillo, una zona campeggio situata nel bel mezzo di una foresta di pini canari e vicino al villaggio di El Pinar. Da qui si possono esplorare varie sezioni della EH PR-1: quello che porta alla località di pesca meridionale di La Restinga, quello che attraversa i boschi di alloro rinfrescanti di Mencafete, sul lato nord del parco, e quelli che ci portano alle splendide baie di Las Playas e Frontera.

Imagen
Subtítulo
Parque Rural de Frontera
Título
Faro de Orchilla

Il meridiano zero era a El Hierro

Il punto più occidentale delle isole Canarie e dell'isola di El Hierro è un campo di lava rossa e crateri vulcanici in mezzo a quello che appare un semplice faro su un edificio bianco e verde. È il faro di Orchilla, che ha segnato il meridiano zero del pianeta nel corso dei 250 anni precedenti a quello di Greenwich. Inoltre, la sua luce è stata il primo accenno di terre europee che videro i conquistatori di ritorno dalle Americhe per le isole Canarie.

Nei pressi del faro, si vede lava dalla forme capricciose, tubi vulcanici visitabili ed enormi tabaibas a forma di candelabri. I più curiosi vorranno vedere il vicino monumento al meridiano zero e chiedere un certificato della loro visita all’ufficio del Turismo dell'isola. E dopo aver calpestato il vecchio meridiano, si può prendere la strada più vicina la HI-500 verso Taibique e visitare la spiaggia esotica di rossa ghiaia vulcanica di El Verodal.

Imagen
Subtítulo
Parque Rural de Frontera
Título
El Julán

Un centro d’accoglienza sui bimbaches

El Julan è un’enorme pendenza di lava che scende al mare di Las Calmas, a sud di El Hierro, e all'interno della quale si celano le migliori incisioni rupestri lasciate dai Bimbaches, tribù preispanica che abitava l'isola. In questo luogo lontano dai centri urbani, il visitatore non è in grado di distinguere un singolo edificio, non una sola strada. La natura sembra aver inghiottito ogni ultimo vestigio della civiltà.

Tuttavia, mimetizzato in uno svincolo della strada HI-400 appare il centro di interpretazione del Parco Culturale El Julán. Nelle sue sale espositive viene spiegata l’importanza economica, culturale e politica che questo posto aveva per gli aborigeni. Inoltre, il suo personale esperto guiderà i visitatori attraverso percorsi di otto chilometri per arrivare alle incisioni di Los Letreros y Los Números, a un Tagoror –un antico luogo di riunione dei bimbaches- e molte altre attrazioni.

Imagen
Subtítulo
Parque Rural de Frontera
Título
Santuario di Nuestra Señora de los Reyes

Tempio della patrona di El Hierro a La Dehesa

La figura che più unisce la piccola popolazione di El Hierro è il suo santo patrono, la Virgen de los Reyes. Questa devozione mariana riceve il suo nome dall'Epifania, il 6 gennaio, dato che quel giorno dell'anno 1546 gli abitanti dell'isola ricevettero una piccola scultura di legno della Vergine Maria. Fu un regalo di una nave che si dirigeva verso l'America e che gli abitanti dell'isola soccorsero.

La figura della Vergine è conservata nel Santuario insulare di Nuestra Señora de los Reyes. Questo tempio modesto e appartato si trova tra le dolci colline coperte di erica di La Dehesa, un'area di pascolo comunale a 600 metri di altitudine, nella parte occidentale dell'isola e del Parco Rurale di Frontera. Qui una sosta sulla strada verso i ginepri contorti o il belvedere di Bascos, conforta l'anima.

Imagen
Subtítulo
Parque Rural de Frontera
Título
Riserva Marina di La Restinga

Immersioni e pesce fresco nel sud di El Hierro

Al largo della costa meridionale del Parco Rurale di Frontera appare un santuario marino con un’incredibile vita subacquea. La riserva marina di La Restinga-Mar de Las Calmas si trova nel punto più meridionale dell'isola di El Hierro, in una baia ampia e placida denominata Mare di Las Calmas. I suoi 750 ettari di un blu profondo sono un paradiso per subacquei, fotografi subacquei, artigiani e pescatori della zona.

La flottiglia di barche pescano rispettando l’ambiente nella riserva parte dal vicino porto di La Restinga. Da qui salpano anche le barche che portano i gruppi di subacquei a cercare le gracili mante, i corpulenti riccioli e le furtive murene. Nel pomeriggio, pescatori, subacquei e turisti si ritrovano tutti nei ristoranti di La Restinga davanti a un piatto di ‘vieja’ (pesce pappagallo) o di pesce ‘cabrillas’ e con un bicchiere di ottimo vino bianco dell'isola.

Sostenibilità
Sostenibilidad
- Non lasciare rifiuti di alcun genere nell'ambiente, compresi i mozziconi di sigaretta. Gli avanzi di cibo contribuiscono alla proliferazione di roditori e gatti selvatici che rappresentano una grave minaccia per la fauna.
- Rispetta gli animali, non disturbarli e non dar loro da mangiare. Se vedi un esemplare ferito, puoi telefonare al numero di emergenza 112. Non strappare fiori o piante.
- Non raccogliere, né portare via pietre o qualsiasi altro elemento dal mezzo naturale. Non modificare quest’ultimo neanche impilandole per realizzare le tristemente famose "torri".
- Non attraversare spazi non consentiti e rispettare la segnaletica dei sentieri. Uscire dai percorsi autorizzati provoca danni all'ambiente e può essere pericoloso anche per te e per chi ti accompagna.
- Non appiccare fuochi al di fuori delle aree consentite e presta particolare attenzione nei mesi estivi.
- Cerca di non disturbare la tranquillità dell'ambiente con rumori eccessivi (musica alta, urla...).
7
10
262
10045