NOTIZIE DI ULTIM’ORA |

Coronavirus (Covid-19)

Valle Gran Rey-La Calera

Un percorso dal mare alla montagna a La Gomera
Situata nel comune di Valle Gran Rey, nel sudest dell’isola di La Gomera, questo percorso si snoda attraverso uno dei tradizionali sentieri che per secoli servirono come via di comunicazione tra le località costiere e i villaggi dell’entroterra e montani. Il suo itinerario attraverso la gola mostra tutta la bellezza di un palmeto che sconfina con le coltivazioni a terrazze, in uno dei paesaggi rurali più unici dell'arcipelago.
Palme, bejeques e verodes in un canyon spettacolare
Con otto chilometri di percorso e un dislivello rilevante che supera i mille metri, quest’escursione inizia da Valle Gran Rey e ha un elevato grado di difficoltà. È auspicabile avere vestiti e calzature adatte per affrontare le tre ore di cammino su un tracciato che combina sentieri, strade di pietre, asfalto e terra battuta. Ma lo sforzo vale la pena: il letto inferiore del burrone si addentra tra palme e canneti vicino a campi terrazzati e borghi tradizionali, mentre la parte superiore è piena di rocce con specie autoctone, come il bejeque e il verode. Nella fauna troviamo l'uccello calandro di Berthelot, specie autoctona anch’essa.
Length
8,4 km
Public transport
Localidad
Valle Gran Rey
Downloadable files selection
Archivos
Imagen Archivo
Título Fichero
Sendero-ValleGranRey
pdf

TENERIFE

TENERIFE

GRAN CANARIA

GRAN CANARIA

FUERTEVENTURA

FUERTEVENTURA

LANZAROTE

LANZAROTE

LA GRACIOSA

LA GRACIOSA

LA GOMERA

LA GOMERA

LA PALMA

LA PALMA

EL HIERRO

EL HIERRO
No te lo puedes perder
Imagen
Subtítulo
Valle Gran Rey, La Gomera
Título
Cercado, centro della ceramica

L'itinerario parte da uno dei caseggiati dell'entroterra dell'isola di La Gomera, esteso su un morbido pendio terrazzato dove ancora oggi è possibile vedere coltivazioni per l'autoconsumo, soprattutto patate e ortaggi. Questo borgo è stato storicamente il principale nucleo di produzione di porcellana dell'isola e anche adesso è possibile vedere donne che realizzano artigianalmente pezzi ceramici tradizionali senza utilizzare il tornio.

Imagen
Subtítulo
Valle Gran Rey, La Gomera
Título
Salto del Barranco del Agua

Quando il percorso lungo il Lomo de Los Balos raggiunge il sentiero selciato cominciando ad acquisire una certa pendenza, vedremo nell'alveo del torrente una grande parete di pietra che provoca un salto tra la parte alta del corso d'acqua e il letto che si snoda a una quota più bassa diretto verso il mare. È il salto del Barranco del Agua, che in inverno, dopo le piogge, si presenta come una delle maggiori cascate dell'isola. Lungo l'alveo del torrente una serie di sorgenti forniscono acqua al paese e ai terreni della valle.

Imagen
Subtítulo
Valle Gran Rey, La Gomera
Título
La valle delle palme

Qui visse Hupalupa, capo aborigeno che i primitivi abitanti dell'isola chiamavano Grande Re, da cui il nome di questa valle. È spettacolare il paesaggio di questo torrente incassato tra pareti scoscese, dove i borghi, le coltivazioni terrazzate e i palmeti configurano un paesaggio unico.

Imagen
Subtítulo
Valle Gran Rey, La Gomera
Título
La parete da cui sgorga l'acqua

Le sorgenti del Guadá forniscono acqua a tutta la valle. Sulla parete del torrente è possibile vedere tre sorgenti che scaturiscono dalla pietra e che portano acqua durante tutto l'anno. Quella principale si trova proprio nell'alveo del torrente, nella parte un po' più alta, ed è conosciuta come il Ruscello di Guadá. In questa zona c'è un saliceto di dimensioni modeste, trattandosi infatti di un bosco ripariale alimentato costantemente da corsi d'acqua, lo sfruttamento idrico ne ha ridotto l'estensione.

Imagen
Subtítulo
Valle Gran Rey, La Gomera
Título
La vizcaína

Giungiamo quindi a questo borgo situato a valle dei Roques de Guadá. L'architettura popolare è presente nelle costruzioni che fiancheggiano la ripida strada. I tetti di tegole arabe cotte direttamente sull'isola e la pianta rettangolare erano abituali, anche se oggi tali caratteristiche sono state alterate anche a seguito di ampliamenti. Alcune case mostrano ancora il primitivo aspetto con pietra di basalto a vista appena lavorata e l'estrema semplicità delle abitazioni tradizionali degli ambienti rurali.

Imagen
Subtítulo
Valle Gran Rey, La Gomera
Título
La frontiera della conservazione

Questo punto del sentiero segna il confine del Parco Rurale di Frontera, il secondo spazio naturale protetto più grande di La Gomera dopo il Parco Nazionale. Oltre a questo torrente di Valle Gran Rey, il parco protegge anche quello di Argaga, e insieme sono i più lunghi e spettacolari del'isola.

Imagen
Subtítulo
Valle Gran Rey, La Gomera
Título
L'eremo e l'orologio dell'acqua

L'eremo dei Santos Reyes, costruito sicuramente dal Conte della Gomera, risale al XVI secolo. La costruzione attuale è degli inizi del XX secolo e custodisce l'immagine dei Santos Reyes, molto popolari nella valle. Questo luogo era molto importante anche per la cultura dell'acqua perché qui si segnalava il cambio per l'alternanza delle acque delle sorgenti: infatti quando l'ombra della rupe si proiettava sulla chiesa, la parte alta della valle mandava tutta l'acqua nell'alveo che discendeva verso la parte più in basso.

Imagen
Subtítulo
Valle Gran Rey, La Gomera
Título
La Calera

La Calera fu storicamente il principale insediamento nella valle Gran Rey. Si estende sul pendio del Roque de La Mérica, ma a una certa distanza dalla costa che all'epoca della sua fondazione, nel XVI secolo, era infestata dai pirati. La spiaggia di Valle Gran Rey, a poco meno di cinquecento metri, è il punto finale di questo itinerario che si può concludere con un bel bagno.

Sostenibilità
Sostenibilidad
- Non lasciare rifiuti di alcun genere nell'ambiente, compresi i mozziconi di sigaretta. Gli avanzi di cibo contribuiscono alla proliferazione di roditori e gatti selvatici che rappresentano una grave minaccia per la fauna.
- Rispetta gli animali, non disturbarli e non dar loro da mangiare. Se vedi un esemplare ferito, puoi telefonare al numero di emergenza 112. Non strappare fiori o piante.
- Non raccogliere, né portare via pietre o qualsiasi altro elemento dal mezzo naturale. Non modificare quest’ultimo neanche impilandole per realizzare le tristemente famose "torri".
- Non attraversare spazi non consentiti e rispettare la segnaletica dei sentieri. Uscire dai percorsi autorizzati provoca danni all'ambiente e può essere pericoloso anche per te e per chi ti accompagna.
- È più sicuro tenere il tuo animale domestico al guinzaglio.
- Cerca di non disturbare la tranquillità dell'ambiente con rumori eccessivi (musica alta, urla...).
6
54784
10 13
262
10045